Feb 162009
 

FacebookSi è discusso parecchio, in passato, delle condizioni d’utilizzo di Facebook,  sopratutto per quanto riguardava i diritti d’autore sui contenuti prodotti dall’utente.

La licenza di Facebook, presente fino a qualche giorno fa (e che mi ero appuntato sul mio tumblr, giusto per ricordarmela), era chiara e diceva:

You may remove your User Content from the Site at any time. If you choose to remove your User Content, the license granted above will automatically expire, however you acknowledge that the Company may retain archived copies of your User Content. Facebook does not assert any ownership over your User Content; rather, as between us and you, subject to the rights granted to us in these Terms, you retain full ownership of all of your User Content and any intellectual property rights or other proprietary rights associated with your User Content.

In pratica: si concedeva a Facebook il diritto di utilizzare i propri contenuti postati sul sito FINO a quando questi non venivano rimossi. Inoltre, era chiaramente espresso che la proprietà dei propri contenuti restava nostra (“you retain full ownership of all your User Content”).

Con le nuove condizioni d’utilizzo, questo paragrafo è stato totalmente rimosso.

In pratica: tutto quello che postate su Facebook diventa “proprietà di Facebook”. Le vostre foto, i vostri testi… niente è più vostro e possono farne quello che vogliono (compreso rivenderlo a terzi).

Eh, no… non mi va mica bene una cosa del genere! Proprio per questo ho rimosso TUTTE LE MIE FOTO (comunque in bassa risoluzione) che avevo postato su Facebook (anche se ormai è tardi, probabilmente, dal momento che ne avranno copie di backup) ed invito voi a fare altrettanto (se ci tenete a mantenere la proprietà dei vostri contenuti, ovviamente). Allo stesso modo, mi guarderò bene dal postare su Facebook qualunque altro mio contenuto.

Faceboook potrà anche essere “IL social network definitivo” ma d’ora in poi ne utilizzerò SOLO le funzioni sociali, evitando di immettere contenuti di cui voglio mantenere i diritti d’autore.

… e già mi vedo centinaia di gruppi, eventi, petizioni legate a questa cosa. NON mi invitate, tanto non parteciperò. ;)

AGGIORNAMENTO: nei commenti è emersa la tesi secondo la quale rimuovendo quel paragrafo implicitamente rendono valido il diritto d’autore “generico” (ovvero: io sono proprietario salvo indicazioni contrarie).
Bene… queste indicazioni contrarie sono chiaramente scritte nelle condizioni d’utilizzo, le cito per completezza:

You hereby grant Facebook an irrevocable, perpetual, non-exclusive, transferable, fully paid, worldwide license (with the right to sublicense) to (a) use, copy, publish, stream, store, retain, publicly perform or display, transmit, scan, reformat, modify, edit, frame, translate, excerpt, adapt, create derivative works and distribute (through multiple tiers), any User Content you (i) Post on or in connection with the Facebook Service or the promotion thereof subject only to your privacy settings or (ii) enable a user to Post, including by offering a Share Link on your website and (b) to use your name, likeness and image for any purpose, including commercial or advertising, each of (a) and (b) on or in connection with the Facebook Service or the promotion thereof. You represent and warrant that you have all rights and permissions to grant the foregoing licenses.

Quindi, in definitiva:
1) NOI garantiamo a FB ogni diritto sui nostri contenuti (facendo venir meno il fatto che sia “implicito il diritto d’autore”) semplicemente utilizzando il loro servizio (ed accettando quindi le loro condizioni d’utilizzo)
2) Facebook ha rimosso l’unica “clausola” che garantiva tale diritto agli utenti dopo la rimozione dei contenuti prodotti

  118 Responses to “Attenzione a Facebook: nuove “condizioni d’utilizzo” vessatorie”

  1. Ragazzi, ecco il nuovo post di Mark Zuckerberg relativo alle questioni in discussione:
    http://blog.facebook.com/blog.php?post=5443409713
    Cosa ne pensate?

    • che Zuckerberg è un furbo e che ha tutto l'interesse a non fare troppa chiarezza sul concetto di privacy in FB. su FB non esistono "aree private" come le intendiamo noi. tutto è pubblico, inclusi i messaggi he noi crediamo siano assimilabili alle email.

      Da come l'ho capita io, cio' che distingue le varie aree (inbox, chat, wall, foto, etc.) è la "visibilità" che altri utenti hanno su di esse, ma questo non ha niente a che vedere con privacy, che non è un concetto di FB. La mail, ad esempio, è un area pubblica con visibilità limitata a chi ha mittente e destinatario.

      Sempre per come l'ho capita io, è come scrivere un messaggio in un forum: dopo che l'hai pubblicato non hai diritto di chiedere che venga rimosso (perché dovresti? è pubblico). Se il Forum necessita di registrazione per essere letto, continua a essere pubblico. Ecco, FB è un grande Forum pubblico sul quale vengono appoggiati veli di visibilità. Ma resta un forum pubblico.

  2. Ora non esageriamo con questi "diritti violati" su scritti ed immagini. In fondo postare su facebook equivale a pubblicare, bisogna avere il piacere di condividere le proprie cose e pensare meno al denaro. Non postare nulla è solo autocensura, tenetevi le vostre belle foto sul desktop, e fatele vedere agli amici che invitate a casa. Naturamediterraneo con le foto degli utenti ci stampa persino volumi… ed è meglio così.

  3. Se io proteggo i miei contenuti con una licenza creative commons prima di metterli su Facebook, questi non può farsi proprietario di quei materiali.
    Per spiegarmi meglio faccio un esempio:
    Io, proprietario di una foto, distribuisco con licenza BY-NC-ND. Tizio posta la mia foto su facebook, non infrangendo la licenza creative commons. Facebook non può farsi proprietario dei miei diritti d'autore, ne tanto meno utilizzare quella foto per opere commerciali e/o derivate.

    • @Giacomo Non è esattamente così: nella licenza d'uso di FB c'è scritto che se tu pubblichi qualcosa sulla loro piattaforma ne mantieni il possesso ma *rinunci ad avanzare qualsiasi diritto d'uso*, per cui a loro risulta *full payd*. Ho scritto anch'io due righe in proposito

  4. Posso premettere che i commenti nidificati sono potenzialmente interessanti, ma anche un bordello? Non riesco a tenere traccia delle conversazioni. ID dovrebbe usare un layout più visibilmente marcato per consentire un'identificazione al volo delle sezioni. Magari anche dando un nome ai vari thread.

    Ciò detto, come si derime l'eventuale contrasto tra CC e FB? Che iscrivendoti a FB tu gli stai (esplicitamente a questo punto) concedendo deroga alle tue stesse CC? Ma e poi, una cosa che mi è sempre rimasta in testa, ma le CC che *effettiva* garanzia ti danno? Sono riconosciute dalla legge? Ci sono precedenti, in Italia o altrove, a tal proposito?

  5. […] la bomba doveva ancora arrivare e mi sembra di poter dire che in Italia l’ha portata Giovy, comunicando a tutti la variazione di alcuni termini di utilizzo relativi ai diritti sul materiale […]

  6. […] 17 Febbraio 2009 · Nessun Commento Quella che segue è un post un po’ lungo che rielabora alcuni commenti che ho lasciato nel post di Giovy (ne stanno parlando in diversi): Attenzione a Facebook: nuove “condizioni d’utilizzo” vessatorie […]

  7. […] ulteriori approfondimenti potete leggere qui e qua. Tags: facebook, termini del […]

  8. […] il putiferio, nella blogosfera internazionale ed anche in quella italiana, soprattutto grazie al post di Giovy. Ne abbiamo parlato anche […]

  9. @chit Se gli account sono soltanto bizzarri non dovrebbero costiture un grosso problema (ma solo un'espressione pittoresca), anche perché censurarli significherebbe limitare la pluralità di espressione della rete.
    Se invece sono in odore di truffe, raggiri o raccolta di liste di iscritti per usi poco chiari, invito *chiunque* ne venga a conoscenza a segnalarli a questo gruppo di cui sono tra gli amministratori insieme ad altri volontari e che si prefigge di mettere in guardia tutti gli iscritti italiani a FB http://tinyurl.com/d55nty.
    Giusto nei giorni scorsi abbiamo segnalato un caso clamoroso di un account che aveva raccolto rapidamente 700 mila iscrizioni con false promesse (poi chiuso da FB).

  10. @chit Se gli account sono soltanto bizzarri non dovrebbero costituire un grosso problema (ma solo un'espressione pittoresca), anche perché censurarli significherebbe limitare la pluralità di espressione della rete.
    Se invece sono in odore di truffe, raggiri o raccolta di liste di iscritti per usi poco chiari, invito *chiunque* ne venga a conoscenza a segnalarli a questo gruppo di cui sono tra gli amministratori insieme ad altri volontari e che si prefigge di mettere in guardia tutti gli iscritti italiani a FB Reply

  11. […] a cui è successo senza motivo. In più, leggendo, ho scoperto e ritengo giusto segnalarvi il post di Giovy perchè… se si sta in qualche comunity è bene sapere le regole no? Queste ultime, lo […]

  12. Il bello che la cosa viene ripresa dal blog Vita Digitale di Corriere.it che pratica le stesse condizioni per il materiale postato dagli utenti..

  13. Tutto ciò conferma la mia convinzione che più che un social-network sia una macchina infernale….
    Aggiungerei anche la possibilità di cancellazione a loro insindacabile giudizio degli account senza bisogno di spiegazioni.
    Collaboro da mesi con un'associazione di volontariato, non avevamo ancora postato NULLA ma solo raccolto amicizie (143) e da una settimana siamo stati bannatii. Rimangono e "pulsano" gruppi e account bizzarri e questo mi sembra un pessimo social-esempio…

  14. […] stessi termini in corsa, in modo unilaterale. Nemmeno io ne sapevo nulla, finchè non ho letto questo post. E poi, anche se volessi rifiutare le condizioni cancellando tutto o cancellandomi io stesso da […]

  15. Notizia dell'ultima ora: Facebook ha fatto marcia indietro ed è tornata ai termini d'uso precedenti: http://mashable.com/2009/02/17/breaking-facebook-

  16. Notizia di stamani:
    Over the past few days, we have received a lot of feedback about the new terms we posted two weeks ago. Because of this response, we have decided to return to our previous Terms of Use while we resolve the issues that people have raised. For more information, visit the Facebook Blog.
    If you want to share your thoughts on what should be in the new terms, check out our group Facebook Bill of Rights and Responsibilities.

  17. […] server anche dopo l’abbandono della piattaforma: le speculazioni si sono affollate online, al di qua e al di là dell’oceano. Fra i cittadini della rete erano in molti a temere che il contratto […]

  18. […] con ordine: qualche giorno fa, Giovy per primo ha sollevato la questione del cambiamento delle condizioni d’uso, in particolare […]

  19. sembra comunque che abbiano fatto un passo indietro sui termini

    http://blog.facebook.com/blog.php?post=5474616713

  20. TRANQUILLI,c'è pure la versione in italiano,dalla quale si capisce meglio il tutto;copio direttamente da FACEBOOK:
    Quando pubblichi Contenuti dell’utente sul Sito, ci autorizzi e istruisci a creare le copie di cui sopra, nel caso in cui ciò sia ritenuto necessario per facilitare la pubblicazione e la memorizzazione dei Contenuti dell’utente sul Sito. Pubblicando Contenuti dell’utente sul Sito, concedi automaticamente l’autorizzazione e la garanzia di disporre del diritto a fornire alla Società l’autorizzazione irrevocabile, perpetua, non esclusiva, trasferibile, totalmente acquistata e valida in tutto il mondo (con il diritto di concedere sotto-licenze) ad utilizzare, copiare, eseguire ed esporre in pubblico, riformattare, tradurre, estrarre (integralmente o parzialmente) e distribuire tali Contenuti dell’utente per qualsiasi scopo commerciale, pubblicitario o di altra natura, sul sito o su canali collegati al sito o alla presente promozione, nonché a incorporare in altre opere, ad esempio i Contenuti dell’utente, e a concedere ed autorizzare sotto-licenze di tali contenuti….continua

  21. …continua:
    Hai la facoltà di rimuovere in qualsiasi momento i Contenuti dell’utente dal Sito. Se decidi di rimuovere i tuoi Contenuti dell’utente, l’autorizzazione di cui sopra decadrà automaticamente, ma accetti che la Società possa mantenere in archivio copie dei Contenuti dell’utente. Facebook non rivendica la proprietà dei tuoi Contenuti dell’utente. Tu, come stabilito negli accordi stipulati tra te e la Società, in base ai diritti da te concessi nelle presenti Condizioni, mantieni la proprietà di tutti i tuoi Contenuti dell’utente e di tutti i diritti di proprietà intellettuale o di qualsiasi altro diritto associato ai tuoi Contenuti dell’utente.

    Spero possa esservi utile…;-)

  22. […] che Facebook cambia i propri termini di utilizzo, cassando un paragrafo a dir poco importante. Succede che gli utenti […]

  23. Sono tornati sui loro passi. "Over the past few days, we have received a lot of feedback about the new terms we posted two weeks ago. Because of this response, we have decided to return to our previous Terms of Use while we resolve the issues that people have raised. For more information, visit the Facebook Blog."

  24. per quel che ha di me, feisbuc se lo può anche tenere..

  25. Dopo un poll tra gli utenti (56% contro il nuovo ToS, 8% a favore e il resto astenuti) Zuckerberg ha decisono di tornare sui suoi passi, anzi ha creato anche un gruppo ufficiale per dare feedback e input sull'argomento

  26. VENGO QUI IN PACE MANDATO DA UN AMICO;

    non ho problemi, nel senso grazie dell’avvertimento ma se un video e coperto da marchio non posso farlo loro credimi….

    certo finche giocano con noi comuni mortali….prova a giocare con la mediaset e digli questo video ora e nostro? come no….XD

    non possono diventare proprietari di nulla credete a me….;)

    al massimo possono usare le nostre foto ecc… per pubbliccizare il loro sito ….

    e poi in rete non esiste piu il diritto d’autore…..e anche se esistesse e cosi vasta la rete che si vive ogni giorno nell’illegalita….IL 90% di questi siti e illegale, a partire da youtube ecc…peccato che in italia ci stanno delle regole…all’estero ce sono altre.

    ci stanno siti di pedofilia che nessuno riesce a chiudere perche aperti in russia e voi vi preoccupate di facebook….;)

    date un occhiata su emule…e capirete che tutto e di tutti oramai ;) …..^^

    possono dire quello che vogliono… :roll:

    ma il marchio e’ un marchio…e se scatta la denuncia da parte di una azienda grossa hanno perso in partenza :lol:

    riguardo a facebook io cosa dovrei fare? c’e un tizio che mi ha clonato nome e cognome (vedi sopra) con tanto di foto, facebook non mi ha rimosso l’account dell’altro come gli avevo chiesto…e come dargli torto?

    come faccio a dimostrare IO di essere quello vero?

    facebook va preso per quello che e…una moda…che durera si e no qualche anno…;)

    tutto questo allarmismo non deve esserci…badoo.com per esempio e molto peggio :mrgreen:

  27. […] questi giorni è tornato in auge un problema importante e molto sentito. Il problema sono le condizioni di utilizzo di Facebook. La mia attenzione è […]

  28. […] una migliore comprensione rimando ai due post di Giovy: link e link. « Chi di Facebook ferisce, di Facebook […]

  29. Ho linkato questo articolo sul mio profilo su facebook (lo so è puerile
    ma ora se lo devono tenere! )
    e qui http://nettunotsforumnonufficiale.forumcommunity….
    grazie per la notizia!

  30. ops rettifico ho cancellato il tuo link da FB!

  31. […] Facebook cambia le condizioni di utilizzo eliminando il paragrafo in cui si concedeva all’azienda il diritto di utilizzare i propri […]

  32. […] Si creano così dei poli di aggregazione per gli utenti di fb, si tenta di categorizzare l’attavità di social networking globale, per renderla più facilmente consultabile. Una funzione in particolare ha suscitato un grande scalpore (che è un eufemismo per dire che molti, colti alla sprovvista sono caduti nel panico): le pagine sociali mostrano, al loro interno, una lista, aggiornata in tempo reale, di tutti i post condivisi dagli utenti di fb che contengono un determinato tag; viene quindi creato un unico spazio che raccoglie tutti i post che riguardano un argomento, all’insaputa dei rispettivi autori. La violazione della privacy, che pure sembra palese, in realtà non c’è, grazie al contratto che ognuno dei registrandi a fb ha a suo tempo sottoscritto, sicuramente senza la dovuta attenzione (anche se non sarebbe comunque servito, dato che nel tempo è stato modificato, leggi qui). […]

  33. […] server anche dopo l’abbandono della piattaforma: le speculazioni si sono affollate online, al di qua e al di là dell’oceano. Fra i cittadini della rete erano in molti a temere che il contratto […]

  34. […] Il Governo Gb ha messo gli okki su “Facebook” e altri social-network e vorrebbe metterli sotto controllo ! L’Esecutivo ammette ke con la privacy di mezzo il problema è delicato, ma dice ke è suo dovere proteggere il Paese, già colpito da attentati e ha da tempo annunciato di voler monitorare le telefonate, l’e-mail e i siti Web visitati da ogni navigatore ! Il social-network di Palo Alto, appena qualche settimana fà è stato al centro di numerose critike in seguito alla bufera scatenata x alcuni cambiamenti, ma le proteste degli utenti sulle ultime modifike apportate non sembrano interessare Mark Zuckerberg, suo fondatore e proprietario, ke spiega ke società quali “Facebook” non devono x forza orientarsi all’opinione degli utenti !  Inutile dire ke la mia opinione personale non concorda affatto con la sua, così com’è x il 90% degli iscritti ed anke persino x ki ci lavora all’interno, come rivela il blog Valleywag !  Senza contare ke da poco mi è stato disattivato l’account del tutto arbitrariamente, giakkè non esistevano i presupposti di violazione del codice di comportamento necessari x giustificare l’accaduto ! X kiedere spiegazioni via e-mail, viene presa in considerazione soltanto la lingua inglese ed inoltre la Loro risposta è “random” e quindi priva di ogni soddisfazione ! Almeno 1 consolazione personale è rappresentata dall’inaspettata mobilitazione da parte delle mie amicizie in FB, ke hanno subito aperto addirittura 1 gruppo in mio favore dal titolo : “FIORE MACCHI DEVE RITORNARE SU FACEBOOK”, ke si trova al link : http://www.facebook.com/home.php?ref=home#/group.php?gid=73968816898&ref=nf ; oramai è guerra aperta contro le ingiustizie di questo tipo e x ora le adesioni sono numerose e fanno ben sperare e giakkè l’unione fà la forza, kissà ke non si smuova qualcosa ! Se non fosse xkè l’affiliazione a vari gruppi animalisti mi permette di sentirmi utile organizzando varie iniziative proficue pro-animali, mi sarei già cancellata, invece di aspettare la scadenza del tempo “punitivo” previsto dallo staff e ke nemmeno si sa di quanto sia, sempre ke nel frattempo non cambi qualcosa… bontà Loro ! (vedere : http://notizie.it.msn.com/scienza/articolo.aspx?cp-documentid=15382302 ; http://www.corriere.it/scienze_e_tecnologie/09_marzo_23/nuovo_facebook_critiche_elmar_burchia_6593f0c4-17b9-11de-b00e-00144f486ba6.shtml ; http://www.giovy.it/2009/02/16/attenzione-facebook-nuove-condizioni-utilizzo-vessatorie/ ;) […]

  35. […] questi giorni è tornato in auge un problema importante e molto sentito. Il problema sono le condizioni di utilizzo di Facebook. La mia attenzione è […]

  36. J’écris uո com dans le but de congratuler
    le webmaster

 Leave a Reply

(required)

(required)

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>