Nov 162005
 

“We don’t need no education
we don’t need no thoughts control.
No dark sarcasm in the classroom
ehi, teacher, leave the kids alone”.

Queste erano le parole che uscivano dalle casse dello stereo di Sandro, ed erano parole che riflettevano in parte il suo stato d’animo e il suo modo di vivere, purtroppo.

Sandro è un ragazzo di 17 anni, un’età difficile, in cui si inizia a rivolgersi con curiosità verso il mondo, ed “il mondo “può essere a volte cinico e crudele, e serbare molte delusioni. Delusioni non sempre facilmente superabili da parte di un ragazzo che ha ancora tanta strada da fare davanti a se.
Considerando poi il fatto che Sandro avesse dei problemi seri, ci si rende conto di quanto questa strada fosse tortuosa e irrimediabilmente in salita. Sandro era ritardato. Aveva difficoltà di apprendimento, anche nelle cose più elementari. Alla fine ci riusciva, ma non senza difficoltà.

Facile immaginarsi quali e quanti problemi ciò avrebbe potuto creargli, soprattutto in una società come quella moderna che sempre più bada solo alle apparenze e non alla vera natura delle cose. I genitori, un padre ingegnere ed una madre casalinga, si erano arresi davanti alla “diversità” del figlio, diversità che loro consideravano una cosa orrenda e della quale non si erano mai fatti capaci.
“Pazienza – si erano detti un giorno, quando ancora Sandro era piccolo ma già il suo “problema” cominciava a manifestarsi – può anche darsi che la sua vita sia breve e non avremo mai il problema dell’istruirlo, o fargli fare amicizia con gli altri”.
Certo, perché per Sandro anche fare amicizia era un problema, e crescendo il problema era diventato serio.
Del resto… doversi far spiegare dieci volte una barzelletta o una qualunque altra cosa non è il miglior biglietto da visita per l’ingresso in una compagnia di ragazzi, dove la “competizione” per apparire più “figo” degli altri è fortissima.

Fortunatamente c’era anche qualcuno che se ne fregava di questa competizione, come il suo caro amico Sergio. Sergio era tre anni più grande di Sandro e questa differenza di età, e forse di maturità rispetto agli altri ragazzi che giravano nel piccolo “mondo” dei teenager della zona, aveva fatto sì che Sergio capisse realmente il problema del suo amico. Ma capirlo non era sufficiente, e Sergio cercava in continuazione di aiutarlo. Ormai diplomato ed ancora senza lavoro, aveva abbastanza tempo libero da dedicare al ripasso insieme a Sandro degli argomenti spiegati il giorno a scuola. Già, la scuola.
Era questa la vera tortura nella vita del suo amico.
Certo… ci sono sempre meno giovani amanti della scuola e seguaci invece del “dio Playstation”, ma Sandro provava per quest’istituzione una vera e propria fobia. E non era per le cose che avrebbe dovuto imparare e che invece non riusciva ad assimilare, ma era per le persone che popolavano quel mondo, per lui così infelice…

[continua…]

  6 Responses to “The Wall 1/6”

  1. ehm…effettivamente non lo ricordo….certo che son passati 10 anni…

  2. Con questa storia mi hai fatto tornare in mente quando, disoccupato, passavo le mie giornate in un centro di aggregazione giovanile gestito dalla usl, dove tutti i giorni ci portavano ragazzi/e down, autistici ed altri come quello descritto da te. Col pulmino, insieme con gli operatori dell’usl li portavamo a fare delle gite, gli raccontavamo delle storie, giocavamo a scacchi, ping pong e calcio balilla (si provava), si suonava la chitarra e si cantava, e chi se ne fregava di quelli che dicevano che non capissero, vedavamo che erano contenti, e se erano contenti loro, lo eravamo anche noi.
    E’ stato il più bel periodo della mia vita.

  3. 😛 questa storia sarà forse la previsione del mio futuro da disoccupata 😉

  4. embè?????? io aspetto il seguito!
    un abbraccio!

  5. @ Arcadi: immaginavo… 😉

    @ benjo: è bellissimo quello che hai scritto… magari tutti ragionassero così… 🙂
    Purtroppo viviamo in un mondo dove la paura del “diverso” è ancora molto forte… 🙁

    @ Flavia: ma va! [:p]

    @ margetta: accontentata 😉

  6. Direi che il soggetto è credibile e tocca un tema importante.
    Notevole che risalga a 10 anni fa: questo denota sicuramente che eri già un ragazzo maturo e attento alle problematiche del mondo.

    Ma sul fatto che tu fossi speciale non avevo dubbi… 🙂

    Vado a continuare…

    Bacione

 Leave a Reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

(required)

(required)