May 312007
 

google_gears_sm.pngLa novità di questa mattina portata da Google è di quelle "grosse"e destinate a lasciare il segno, credetemi!
Google ha infatti lanciato un suo nuovo prodotto, chiamato Google Gears, che punta a creare una "base" per il porting offline delle web application.

In realtà Google Gears è da un lato (quello per gli sviluppatori) un framework su cui basarsi per permettere alle applicazioni web create di essere usate anche in modalità offline, dall’altro lato (quello degli utenti finali) un plugin per Firefox (o un add-on per Internet Explorer) che permette la "magia" di usare le proprie web-application preferite anche in mancanza di una connessione Internet (se le applicazioni sono compatibili e sviluppate per integrarsi con Google Gears, ovviamente).

La prima applicazione a beneficiare di questa nuovissima possibilità introdotta da Google è Google Reader, il feedreader online della Big G. Da questa mattina, infatti, è possibile (dopo aver installato Google Gears) mettere Google Reader in modalità offline; così facendo si "memorizzerà" in un database locale presente sul proprio computer (un database SQLite, per i tecnici) i primi 2000 post non letti del proprio account Google Reader. In mancanza di una connessione al web, sarà comunque possibile leggere i propri feed preferiti e taggarli; tali modifiche verranno sincronizzati con i server di Google appena sarà disponibile una connessione ad Internet.
Così facendo Google Reader diventa molto simile ad un vero feedreader stand-alone

Ok… magari tutto questo applicato a Google Reader potrebbe non sembrarvi tanto interessante, specie se non lo utilizzate ma… riflettete un attimo sulla possibilità di avere:

  • la propria posta su Gmail sempre disponibile…
  • i propri documenti su Google Docs sempre disponibili…
  • il proprio calendario su Google Calendar sempre disponibile…

Sul versante sicurezza non c’è da preoccuparsi per la possibilità interazione di siti "estranei" con i vostri dati memorizzati nella cache di Google Gears; visitando un sito "GGears-enabled" che cerca di utilizzare questo framework, verrà visualizzato un avviso di sicurezza e potrete decidere se permettere o meno l’interazione di questo sito con Google Gears.

Quanto volete scommettere che presto Google Gears verrà implementato su tutte le applicazioni create dai programmatori di Mountain View? 😉

  18 Responses to “Google Gears porta le web application offline”

  1. Effettivamente la novità è importante, ma ho la sensazione che sarebbe stata molto più “rivoluzionaria” qualche anno fa, all’epoca delle costose connessioni con modem a 56k. In tempi di ADSL flat diffusa, almeno qui in Italia, l’utilità si può ridurre ai soli casi di problemi tecnici sulla rete.

  2. @ Alberto: l’utilità NON riguarda la velocità di connessione o i problemi tecnici, riguarda tutte (e sono tante) le persone che hanno bisogno di poter lavorare anche offline, mentre magari sono in viaggio e non hanno accesso alla rete.
    Pensa che bello leggerti i tuoi feed o rispondere alla posta su Gmail mentre sei in treno e non vuoi spendere un capitale in costosissime ed inaffidabili connessioni UMTS/GPRS/GSM ecc… 🙂

  3. Google IMHO ha troppa carne al fuoco… Perché non concentrarsi magari sulla ricerca, che ultimamente perde colpi?

  4. è la risposta di google alla domanda sempre più pressante: “quand’è che ci fai gmail client?”

    mi sembra un’ottima funzionalità!!!

  5. dal Google Plex …. ottime nuove …!!! provo subito
    cià

  6. Per me che vivo di servizi google è un’ottima notizia questa 😀
    Già penso a come sfruttarla, la mattina a casa apro google reader, lo sincronizzo, e poi ho tutti i miei feed disponibili anche offline! Stessa cosa per la posta e anche google docs che ultimamente sto usando molto.

  7. sta novita non mi sorprende 🙂 con il lettore di feed inserito in Opera leggo spesso i feed offline

  8. News molto buona ma in fondo non è una cosa così innovativa, tra qualche mese sarà disponibile una cosa simile integrata direttamente in firefox 3.

  9. Questa è molto buona! Io penso a Google Note, e a tutte le comodità in più quando sei lontano dalla connessione..

    Fatto sta che sono parzialmente d’accordo con Napolux, ogni tanto rispolverare il settore “ricerca” farebbe bene, i tempi son maturi per evolversi..

  10. Sembra interessante, hai visto la nuova funzionalità per Google Maps, la “Street View”? È letteralmente stupenda!!! 😛

  11. […] ulteriori chiarimenti vi consiglio di consultare anche il Blog di Giovy […]

  12. Lo sto testando da stamattina e posso dire che è davvero comodo, soprattutto quando ti tocca viaggiare a velocità ridicole causa telefonino / isdn casalinga e simili. Spero di poter scrivere qualcosa in merito quanto prima!

  13. @giovy: in effetti all’utilità di lavorare in viaggio e poi sincronizzare i dati non avevo pensato…

  14. io sto anche aspettando che tirino fuori i FS di MacFuse indirizzate ai vari servizi google, da quel momento credo proprio che si possa cominciare a parlare di google OS :mrgreen:

  15. […] valore di “complementarità” nei confronti del lavoro già svolto: una mossa che, come alcuni hanno già detto, trasformerà, con l’implementazione di Gears in tutti i software Google, l’intero […]

  16. […] Potete leggere di Google Gears anche su Giovy’s […]

  17. I am now not certain the place you’re getting your information, however great topic.
    I must spend a while finding out much more or working out more.
    Thanks for great info I used to be looking for this information for
    my mission.

 Leave a Reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

(required)

(required)