May 242007
 

anobii_logo.gifSe siete un Twitters (o anche un lettore assiduo di blog) sicuramente avrete già sentito parlare di questo nuovo servizio Web 2.0 in termini entusiastici; persone che si esprimevano con espressioni del tipo: "è coinvolgente… se ne entrate, non ne uscirete più" e cose del genere. Sulle prime sono rimasto un po’ perplesso, ma oggi ho letto l’ottima recensione dei Googlisti e… beh, ho deciso di dare un’occhiata ad aNobii.

Cos’è aNobii?
E’ il vostro scaffale dei libri online, in chiave sociale.
NON vi parlerò dell’aspetto tecnico del servizio, di AJAX o cose del genere… per queste cose potete far riferimento all’articolo dei Googlisti.
Io vi parlerò della mia "esperienza d’uso", in questo caso. Dopo essermi registrato (serve solo una mail ed un nome), è possibile iniziare da subito ad inserire i vostri libri. Se conoscete il codice ISBN (quel codice numerico che indica in maniera univoca ogni libro) inserire il vostro libro in aNobii è di una semplicità disarmante; dovete solo darlo in pasto al sistema e tutte le informazioni del libro verranno automaticamente recuperate da Internet. Se non avete l’ISBN, potete provare a fare una ricerca per titolo, se il libro è stato già inserito da qualcuno lo troverete di sicuro… altrimenti vi tocca inserirne i dati a manina… 😛
I libri inseriti in aNobii possono essere taggati ed è possibile decidere se rendere il libro disponibile per lo scambio o per la vendita, aggiungendo eventualmente un prezzo. Possono essere inserite informazioni sullo stato di lettura del libro, delle note, un voto… insomma, potete gestire ogni aspetto della lettura "ordinata".

Ma, schedatura dei libri a parte, è l’aspetto sociale di aNobii a renderlo eccezionale; ad esempio, dopo aver inserito il libro di Sergio Maistrello "La parte abitata della rete" sono venuto immediatamente a conoscenza che ci sono altre 12 persone ad avere lo stesso libro. Scorrendo la lista trovo tanti amici (Estragon, Antonio Sofi, Gaspar, catepol, Philapple…) e posso decidere di andare a dare un’occhiata alle loro librerie, aggiungerli come amici (a proposito, vi arriveranno le mie richieste di friendship) e scoprire tutti i libri in comune. Se ci sono libri interessanti, posso aggiungerli alla mia "lista dei desideri", ed eventualmente acquistarli in futuro…
A proposito: se vi va, date un’occhiata alla mia libreria (che sto ancora popolando).

In definitiva, aNobii farà tornare a molti la voglia di leggere, e permetterà a chi legge tanto di leggere ancora di più, conoscendo libri ed autori nuovi… 😛
Un consiglio: è vero, una volta che iniziate a girare per aNobii, assicuratevi di avere del tempo libero, potreste non uscirne tanto presto… 😛

  11 Responses to “aNobii”

  1. Bellissimo!! Io adoro leggere e questo sito sicuramente mi piacerà. Grazie;)

  2. dirlo ora puo’ sembrare ovvio , scontato , ma 2 giorni fa esatti mi ero messo alla ricerca di un servizio web come aNobii. Ora so che esiste :mrgreen:

  3. Finalmente un servizio che mi interessa… vedo il modo più veloce per importare i libri dal mio programma sul portatile e poi comincio ad usarlo.
    Se mi cerchi sono con il mio nome e cognome.
    Ciao!

  4. […] droghe: aNobii, il social sharing dei libri           0 voti leggo su giovy’s blog di questo nuovo servizio che praticamente fa coi libri quello che last.fm fa con la […]

  5. Grazie Giovy, bel suggerimento e bella recensione.

    Avevo appena visto Librarything che sembra simile.

    Qualcuno ha fatto un confronto?

  6. E di shelfari.com o di listal.com che ne pensi ? li hai provati ?

  7. […] disperso nel tunnel di aNobii, social book senza marking -.- (penosa) L’ho conosiuto tramite Giovy qualche giorno fa, ma ero riuscito a resistere dal provarlo, dato che avevo tutto tranne che la […]

  8. mi piacciono i konsigli ke dai grazie ciao 😳

  9. dato che siamo a parlare di leggere online, segnalo un sito da cui si può scaricare e leggere gratuitamente:
    http://www.rampadilancio.it

    Ciao
    Sandra

  10. […] nel social networking, non riuscirei a gestirlo come vorrei e quindi preferisco evitare. Finchè da Giovy non ho letto di un nuovo servizio ovviamente 2.0 di gestioni dei libri, anobii. Ah, la catalogazione […]

  11. […] giorno fa vi parlai di aNobii, la nuova web application di "social book library". Oggi invece vi presenterò […]

Leave a Reply to basetta Cancel reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

(required)

(required)