Feb 042007
 

Chi mi legge da un po’ sà bene che per me la domenica è "sacra", e difficilmente mi metto al computer per scrivere un post (benchè al computer ci passi ugualmente un po’ di tempo).
Ma… oggi è domenica e per il sottoscritto è una domenica COME LE ALTRE, anche se per decine di migliaia di persone in Italia è una domenica triste, perchè… sono stati lasciati senza calcio! Sono tristemente noti a tutti i fatti che hanno portato alla decisione di sospendere tutti i campionati di calcio italiani, dalla serie A alle giovanili. I telegiornali hanno dato ampio risalto a persone intorno agli stadi che facevano passeggiate, a persone intorno agli stadi che andavano in bicicletta, a persone intorno agli stadi che portavano i propri bimbi a conoscere gli gli stadi di domenica, luoghi dove nessun genitore sano di mente porterebbe mai il proprio bimbo.

Quello che dovrebbe essere un momento di divertimento per tutti, accomunati dalla passione per uno sport, rischia spesso di diventare l’ultimo giorno della propria vita.
Beh… io sono un "simpatizzante" per una nota squadra di calcio italiana recentemente retrocessa in serie B. NON sono un tifoso.
Quando gioca questa squadra, se vince mi limito a dire: "Brava, ha vinto", se perde dico "Cacchio, ha perso". Non mi strappo i capelli per la disperazione, non esulto come un matto fino a restare senza voce. Sarò anche un "italiano atipico", dato che veniamo considerati un popolo di "santi, navigatori e calciatori", ma personalmente seguo con interesse solo la Nazionale di calcio.
Capirete quindi che "grossa tragedia" sia per me una domenica senza stadio (e senza calcio). Ma… se per me non lo è, per tante persone una domenica senza stadio diventa un buco nero, insidiato da mogli/ragazze/figli che vorrebbero approfittarne.
Il giorno ormai già ribattezzato "Il giorno della Vergogna" passerà in fretta, il campionato ricomincierà e non ci vorrà molto perchè nuovi episodi del genere tornino a rovinare la vita di una nuova famiglia, di un povero cristo che finirà la sua giornata in una bara e… "le domeniche di tanti tifosi".

Sinceramente… se questo (morte e sofferenza) deve essere il prezzo per permettere ad alcune centinaia di migliaia di tifosi (veri tifosi, che vanno allo stadio per supportare la propria squadra) e ad alcune migliaia di animali di uccidere e devastare… beh, io appoggerei già da domani una legge per far che si che TUTTE le partite di calcio si svolgano a porte chiuse. TUTTE. INDISCRIMINATAMENTE.

Siete tifosi e volete vedere la vostra squadra? Fatevi un abbonamento al satellite e guardatevi la partita sul vostro fighissimo LCD 40 pollici ad alta definizione che avete comprato per i Mondiali, tanto i soldi li recupererete dai biglietti risparmiati non andando allo stadio. Restando a casa, anche vostra moglie ed i vostri figli vi ringrazieranno, così come vi ringrazieranno le mogli ed i figli delle migliaia di poliziotti e carabinieri che non vivranno con il cuore in gole le ore di servizio del marito ad uno stadio, sperando di non ricevere mai la telefonata che porti la notizia che il poliziotto/carabiniere Mario Rossi è all’ospedale, o peggio ancora all’obitorio.

Siete "animali travestiti da tifosi" e volete andare allo stadio per non entrare nemmeno, ma spaccare tutto quello che vi passa davanti, compresa qualche testa? Utilizzate la vostra "forza bruta" andando a zappare in campagna o facendovi mettere il giogo e tirando un bel carro, tanto per quello che valete… almeno risparmierete la fatica ad "animali" veri che sono sempre e comunque meglio di voi.

E’ vero… è facile parlare da "non tifoso" e vorrei tanto sentire le opinioni dei tifosi veri ma… dopo quello che è successo.. vorrete (voi tifosi) essere ancora chiamati così, rischiando di essere accomunati agli animali che hanno reso vedova una donna ed orfani due bimbi?

  24 Responses to “Tifosi? Ma fatemi il piacere!”

  1. Sono *Assolutamente* d’accordo con te. Questi sono animali che nn sanno come altrimenti sfogare le loro idiote energie !

    Ieri su sito del Corriere della sera c’erà un editoriale di Beppe Severgnini cche mi trova completamente in sintonia, lavori faticosi ed utili per la società, ecco come rieducare questi “ragazzi della media bvorghesia” che si agitano in perfetta sintonia con i peggiori malviventi.

    Ma poi avete sentito il tg di oggi: ancora a Catani c’è gente che tutti “i poliziotti sono porci” secondo me c’è da rivedere un bel po’ di cose! (magari anche passando da severe punizioni per quei poliziotti -pochi- che alimentano tali credenze anche loro delinquendo).

    Sciusate lo sfogo, ma sono realmente indiganto come Italiano e come Votante.

    Ciao

  2. vorrete (voi tifosi) essere ancora chiamati così, rischiando di essere accomunati agli animali che hanno reso vedova una donna ed orfani due bimbi?

    Non avresti potuto scrivere parole più penetranti di queste. Concordo su tutta la linea. Un bel paio paio d’anni senza calcio sarebbe l’ideale (cosi ci si disintossica un po…)

  3. Non seguo il calcio ma certe notizie lasciano davvero senza parole. Purtroppo il calcio, in Italia, è divenuto uno sport fin troppo poco “pulito”. Dai soldi che girano dietro in modo poco onesto, alle tifoserie degne di qualche girone dell’inferno dantesco.
    Sono dispiaciuto per quella famiglia. Del calcio, continuerà a non importarmene completamente, sperò però che… in qualche modo ci si impegni concretamente a cambiare questo stile (si, perché ormai è questione di cultura italiana) e si torni a vivere il calcio come gli antichi greci insegnavano: incontri panellenici. Incontri di tutti i popoli della loro nazione… non guerriglie senza senso.
    E c’è una famiglia che piange.
    Ciao,
    P|xeL

  4. Leggevo il giornale della mia città… C’era una tabellina con tutte le modifiche che avrebbe dovuto portare il decreto Pisanu… Bene, sono modifiche utili, serie…
    Peccato che nessuno le rispetti…

    Quindi, prima di dire di farsi l’abbonamento al satellite e guardarsi la partita in tv, che reputo una cavolata, perchè il calcio è bello guardarlo dal vivo, pensa alle varie società e alle amministrazioni locali che non si sono adeguate alle disposizioni vigenti…

  5. Sono d’accordo con le tue considerazioni, ma non con tutte le tue conclusioni. Questo è un problema più grosso di quello che appare, e sicuramente non si risolve solo chiudendo gli stadi. I delinquenti ci sono dovunque, negli stadi come fuori. E negli stadi come fuori, c’è anche tanta gente civile che ha tutto il diritto di passare una domenica di sport e divertimento all’interno di uno stadio (e davanti alla televisione non è la stessa cosa). D’altronde il decreto Pisanu c’è e viene regolarmente applicato, ma la repressione non ha fatto altro che infuocare la guerra tra ultrà e poliziotti che esiste da sempre. Anche perché l’idiozia e la stupidità di questa guerra delle volte non arriva solo dalla parte degli ultrà (e non fraintendermi, non voglio assolutamente giustificare questi imbecilli). Spero che si faccia qualcosa. E non solo negli stadi.

  6. Permettimi di dissentire. Gli animali che distruggono e ammazzano negli stadi NON SONO TIFOSI, e tu fai un torto ai veri tifosi se pensi che quelli che vanno allo stadio solo per pestare i poliziotti siano dei veri tifosi. Il fatto che quegli animali ce l’abbiano con i poliziotti è reso lampante dalle scritte ingiuriose che sono apparse sui muri di mezza Italia ed è un fatto dovrebbe far pensare… In Inghilterra hanno risolto il tutto mettendo leggi più severe per chi tocca un poliziotto e delegando ad aziende private la sicurezza interna ed esterna degli stadi: forse dovremmo fare così anche noi.

  7. @ Maxime: se come dici tu la repressione ha fatto infuocare la guerra fra polizia e ultrà, allora ho ragione io: meglio partite a porte chiuse, così non ci sarebbero ultrà da nessuna parte e nemmeno poliziotti a “fare i guardiani”. Ed hai ragione, i delinquenti ci sono ovunque. ma è SOLO ALLO STADIO che possono fare “branco”, e fare quello che hanno fatto a Catania (ed in molte altre parti d’Italia, purtroppo).

    @ Sonia: rileggi bene il mio post, ho scritto quello che hai ribadito tu.
    Quelli NON sono tifosi ma animali. Se avessi perso un minuto di più a leggere bene, ti saresti risparmiato questo intervento “contro” quello che ho scritto, quando in realtà avresti dovuto dire “hai ragione”.

  8. Concordo e mi fa’ tristezza vedere che si spendano così tante parole del tipo “facciamo così e cosà” quando tanto sappiamo benissimo che non cambierà niente.
    In DUE GIORNI siamo già passati dal “sospendiamo i campionati ad oltranza” al “sospendiamo per due giornate e facciamone altre due a porte chiuse”.
    Giusto un mese per fare in modo che il tempo ci metta una pezza come ha sempre fatto in casi analoghi… 😐

  9. @Rita
    Io non seguo il calcio e non simpatizzo per nessuna squadra. Comunque sospendere ad oltranza o annullare il campionato non era una misura giusta sia per gli enormi interessi che ci girano attorno (oltre ai miliardi di Sky e delle publbicità pensiamo anche alle persone che comprano gli abbonamenti TV, gli abbonamenti in stadio, che scommettono, ed ai presidenti che investono) sia perché per un manipolo di… “stolti” non puoi punire tutte le divisioni del calcio, chi il calcio lo gioca o lo segue.

    Il problema è che la polizia ha le mani legate: anche durante svolgimento del loro lavoro, usare il manganello è molto rischioso per i poliziotti stessi, poiché colpendo un ultras dovrai anche poter dimostrare che sei stato [b]costretto[/b] a farlo… E lo sappiamo com’è la giustizia italiana.

  10. Perdonami, ma non capisco il motivo di tanto livrore. Io non condivido quello che dici nel tuo post perchè tu proponi di chiudere gli stadi ai tifosi in maniera definitiva e questa – a mio modesto avviso – è una cavolata bella e buona. Anche il suggerimento di comprare tutti SKY e vivere felici è altamente opinabile… per non dire di peggio.
    PS: sono una ragazza, quindi mi sarei “risparmiata” e non “risparmiato”, grazie.

  11. @ Sonia: nessun livore da parte mia, credimi, e se ti ho dato quest’impressione me ne scuso, non era mia intenzione.
    In ogni caso, io ti ho detto solo che SUI TIFOSI e SUGLI ANIMALI (il tuo primo commento verte su questo, e NON sulla chiusura degli stadi a tutti, che hai menzionato solo nel commento sopra questo) abbiamo detto la stessa cosa.
    Se tu avessi parlato della chiusura o meno degli stadi, avremmo potuto avere idee discordi ed avresti potuto esprimere il tuo disaccordo.
    Ma sul resto… abbiamo detto la stessa cosa. 😉

  12. io sono un tifoso, e non ho paura a definirmi tale, e neanche che mi si accomuni agli animali che venerdì sera hanno fatto quel casino….chi lo fa è un ignorante, quelli sono animali appunto, non tifosi.
    Le partite di calcio son belle allo stadio, e ti assicuro, che io da tifoso, non ho mai rotto neanche un bicchierino di plastica, uscendo dallo stadio dopo aver perso 3-0 non ho mai dato neanche un calcio a una lattina.
    Quelli di venerdì non sono tifosi, non amano il calcio, sono criminali che dovrebbero stare chiusi in una cella a sfasciarsi la testa a vicenda.

  13. Io non seguo il calcio e non simpatizzo per nessuna squadra. Comunque sospendere ad oltranza o annullare il campionato non era una misura giusta sia per gli enormi interessi che ci girano attorno (oltre ai miliardi di Sky e delle publbicità pensiamo anche alle persone che comprano gli abbonamenti TV, gli abbonamenti in stadio, che scommettono, ed ai presidenti che investono) sia perché per un manipolo di… “stolti” non puoi punire tutte le divisioni del calcio, chi il calcio lo gioca o lo segue.

    Sarei d’accordo se il calcio non fosse ormai ridotto ad una pagliacciata anche per alcuni dei motivi che hai elencato.

  14. Concordo COMPLETAMENTE con Sonia, chiudere tutto e’ come dire “hanno vinto gli animali”, iniziamo col dare 10 anni di galera a chi solo prova a buttare un razzetto in campo e vediamo se nn si calmano, come gia’ citava Sonia, in Inghilterra stanno seduti a meno di un metro dal campo e SENZA un minimo di cancello, grata o vetri antiproiettile, e li’ ci sono gli HOOLIGANS gli orchi cattivi che uccidono e malmenano mica i nostri “tifosi”……….

  15. hai ragione Giovy, io non credo che questi siano tifosi ma soltanto gente frustrata che prende a spunto la partita di calcio per dar sfogo alla violenza rovinando così la domenica a chi invece è davvero tifoso e va davvero allo stadio per seguire la sua partita del cuore

  16. beh, io appoggerei già da domani una legge per far che si che TUTTE le partite di calcio si svolgano a porte chiuse. TUTTE. INDISCRIMINATAMENTE.

    Siete tifosi e volete vedere la vostra squadra? Fatevi un abbonamento al satellite e guardatevi la partita sul vostro fighissimo LCD 40 pollici ad alta definizione che avete comprato per i Mondiali, tanto i soldi li recupererete dai biglietti risparmiati non andando allo stadio.

    😯 😯 😯

    Grossa cavolata, così si ammazza uno sport… i delinquenti li sposti da qualche altra parte di certo non li elimini in questo modo! Non elimini i barboni togliendo le panchine dai parchi(come hanno fatto da me a Treviso :evil:)

    Nessun giocatore giocherebbe per sempre a porte chiuse, non esiste! il calcio SONO i tifosi! Già guardiamo tv che basta, non istigare ancora di più a questo atroce vizio :mrgreen:

    Le domeniche allo stadio DEVONO diventare momenti di gioia e di incontro, è questo lo spirito dello sport e del calcio!! Le leggi esistono bisogna applicarle TUTTE e SEMPRE, bisogna capire perchè dentro lo stadio di Catania entrava gente con catene ed altri oggetti contundenti in bella vista, qualcuno i controlli non li ha fatti o non aveva interesse a farli!!! Se ogni ultras bloccato dalla polizia fosse escluso PER SEMPRE dallo stadio il problema si ridurrebbe di certo. Ma questo non succede perchè?? perchè siamo in ITALIA il BEL PAESE dove i politici sono i primi a dare l’esempio che le leggi si rispettano SE fa comodo, che esistono centinaia di modi per svincolarsi, perchè esistono i CONDONI gli INDULTI e tutte quelle cose li!!!

    Siamo in un paese in cui NON si educa alla legalità sin da bambini… in cui la legge è visto come un noioso impedimento non come necessaria per la creazione di una società civile!!!! MA W L’ITALIA !!!

    Scusa l’OT e lo sfogo;) ma credo fosse necessario per capire che molti problemi hanno origini molto più profonde di quel che crediamo e anche se ho solo 17 anni tali problematiche sono già lampanti ai miei occhi.

  17. chiudere gli stadi definitvamente no, non si risolve il problema, ma se questa domenica succede una cosa, la prox chiudo tutto ed avanti così…

    anche se, da una parte, pure gli stessi giocatori dovrebbero preoccuparsi di quello che succede alle loro spalle (o davanti) e impuntarsi sul fatto che venga fatto qualcosa… ma a loro importa poco o nulla, tanto hanno i miliardi da “godersi”

    alle autorità, poco importa, tanto chi muore è il poliziotto “comune” non il raccomandato amico del tale…

    i problemi non si risolvono in italia, vengono procastinati di governo in governo per poi essere utilizzati durante le campagne elettorali per dar contro all’uno o all’altro partito…

    ed intanto la gente muore, i prezzi aumentano ed i problemi rimangono….

    vai allo stadio e fai danni, bene, per una settimana lo stadio resta chiuso! (come quelli del resto d’italia)

    vero, non è giusto incompare gli altri, ma se così funziona, tanto meglio!

    e riguardo alle sommosse fuori dagli stadio (o altri luoghi) darei campo aperto ai poliziotti (o tutori dell’ordine) ad usare un po più il manganello, e se un giornalista osa appellarsi ai diritti umani violati dal poliziotto… beh, una manganellata pure al giornalista ci starebbe pure bene 🙂 (qui sono drastico, quasi sarcastico, ma bene o male la penso così…. un po di “cattiveria” ed i cattivi (animali etc etc) si placherebbero di bottto vedendo che non hanno campo aperto!)

    ma soprattutto, farei rispettare le leggi veramente e non solo apparentemente o solo quando succedono determinate cose!

  18. Intervengo in ritardo (ieri non ho aperto il reader..) ma ci tengo a dire alcune cose, visto che la discussione mi interessa.
    Stamattina leggevo su Repubblica che i vari presidenti delle società di calcio hanno già iniziato a dire “lo spettacole deve pur andare avanti”, e sinceramente non ho mai dato valore all’ipotesi di un anno di stop: un po’ per scetticismo, un po’ per i motivi che anche voi avete riportato sopra..
    E’ vero che seriverebbe un giro di vite, leggi più severe, nessuna tolleranza.. Certo di una cosa sono convinto: l’esempio lo da prima di tutti lo sport stesso, e il calcio offre un pessimo esempio.
    Siete mai stati ad una partita di basket di serie A? Si entra al palasport, i tifosi avversari sono di fianco a te (separati al massimo da una righiera di 1 metro), le gente siede a bordo campo a gambe incrociate, senza nessuna rete metallica alta 4 metri, le panchine non sono dei bunker sotterranei protetti da telai infrangibili. Questo è l’ambiente..
    In campo poi scendono 3 arbitri (e 10 giocatori), se l’arbitro fischia chi fa fallo alza la mano per farsi meglio riconoscere, alla prima offesa viene fischiato fallo tecnico, i falli cattivi dove il giocatore si disinteressa della palla sono considerati falli antisportivi e sanzionati con 2 tiri liberi. Gli allenatori non calciano borracce vuote a bordo campo, i giocatori non sputano. Se un avversario cade, spesso qualche collega dell’altra squadra gli tende la mano per rialzarsi..
    E nel calcio? Le offese all’arbitro sono una costante, la violenza permea tutto il gioco, dall’allenatore ai giocatori, c’è poco rispetto per gli avversari (se si può rubare 3 metri in barriere, un rigore, lo si fa senza scrupoli!). Uno dei motivi per cui non mi sono mai affezionato al calcio è anche e soprattutto la poca sportività che chi pratica questo sport dimostra con le proprie azioni. Gente pagata miliardi, che se ne frega di ciò che fa in campo, pur sapendo di essere inquadrato da 50 o 60 telecamere.. Certo che ci vogliono le leggi, ma servirebbe anche un po’ di educazione sportiva. Un anno di stop non potrebbe che giovare a tutti gli altri sport, che in italia sono offuscati dal sistema multimilionario del calcio.
    PS: perdonate la lunghezza, ma ci voleva!

  19. […] Non sapevo se scrivere qualcosa sui fatti di catania, ero combattutto ma dopo tutto quello che ho letto e sentito non ho resistito, quindi eccomi con le mie banalità che si perderanno della blogsferaQuello che è successo lo sapete, mi faccio domande e mi rispondo come il miglior Marzullo:Si poteva evitare?Si! due domeniche fa è morta una persona picchiata da tifosi e giocatori avversari, ma nessuno ha fatto niente, il segnale forte doveva arrivare dall’alto, ma a parte un’ipocrita minuto di silenzio, nessuno si è levato in difesa di un poveraccio che magari il dirigente lo faceva "gratis e a tempo perso".C’era la possibilità di prendere questo evento per una grossa riflessione, ma quel poveraccio non so lo è filato nessuno.C’è una soluzione al problema?No! perchè non è un problema dei tifosi del calcio, ultras,  o fans dello sport calcio, ma è un problema sociale di più ampia portata, è la civiltà del nostro paese che sta andando sempre più alla deriva, come si può pensare di fare qualcosa quando:Si uccide per un tamponamentoSi uccide perchè i cani fanno chiassoSi accoltella a 13 anniSi picchia un’autista privato, per una corsa da 30 euro.e potrei andare avanti a lungo…E’ un problema del calcio moderno?No, il calcio è sempre lo stesso, 11 vs 11 e palla al centro, c’è il più forte, il più furbo e il più ricco così come 60/40/20 ani fa, e prima non accadeva tutto ciò. E’ più ricco, ma qual’è il problema? La televisione fa comodo a tutti o no? il Merchandisig uguale..di internet non ne parliamo.. io questo male nella rincorsa al business non la vedo proprio, anche perchè è sempre l’utente finale che decide come spendere i propri soldiQuesti problemi, li hanno solamente in Francia.. ma lì sono problemi leggermente diversi.Il Modello inglese?Si bello, You’ll never walk alone, Blu isn the color, il Manchester, niente più Hoolignas, niente incidenti gravi, tante belle parole pro Uk, ma poi appena guardi un po’ più a fondo trovi i video degli sconti fuori gli stadi, ma non di 15/20 anni fa ma di dicembre, il loro grande merito, è che quando li prendono e li prendono perchè li volgiono prendere (scusate l’italiano) scontano la pena e non ci riprovano, questa è quella cosa che si chiama efficenza.La Colpa degli stadi? Ma quale?Lo stadio (parlo dell’olimpico di Roma che è quello che conosco meglio) è diventato un mostro o quasi, prima di poterci arrivare si devono passare diversi livelli, neanche si stesse entrando ad Alcatraz, ormai è un luogo solo ed esclusivamente per i tifosi "cronici", io mi ricordo che una volta si poteva andare allo stadio la domenica mattina e prendere i biglietti al botteghino, oggi da quello che so è praticamente impossibile e per andare allo stadio, si deve decidere ad inizio settimana sperando nella buona stella, e così la squadra si preclude anche quei 10/20 turisti o tifosi occasionali, che vogliono fare qualcosa di diverso.Negli anni ‘80, gli stadi erano molto peggio.. ma i tifosi erano molto più contenti, la partita la vedevano tutti, e negli ultimi 10/15 minuti si poteva entrare per assistere ai finali delle partite seduti sulle scale, senza i controlli che dovrebbero esserci adesso.Chiudere gli stadi non a norma, è un’iniziativa pregievole ma non serve a nulla, i tifosi seguiranno la partita da fuori lo stadio per dare un segnale perchè  a nessuno piace pagare per ascoltare l’arbitro che fischia e poco altro, quindi qualcuno andrà per dimostrare che non è la soluzione, altri per creare problemi.. spero che i tifosi sappiano isolare i rompiballe, e anche la polizia ci metta del suo a non "sparare" nel mucchio.Colpa dei tifosi? Boh forse, anzi sono quasi sicuro di sì.Di tutti i tifosi, ultras, fans, simpatizzanti, insomma di tutti quelli che fino a giovedì hanno accettato risse, striscioni razzisti, cori per i diffidati e per quelli in carcere.. ecco se lì, si fosse cominciato a non "compiacerli" con la scusa del "so ragazzi, un giorno capiranno"  e cominciare una sorta di "contestazione" nei loro confronti magari si sarebbe iniziato un processo  verso il miglioramente della situazione, e invece i ragazzi si sono andati a cercare le loro belle mazzate, le hanno prese ma invece di capire se la sono legata al dito, e da lì è cominciata la discesa.Colpa della Polizia? Le forze dell’ordine potrebbero sicuramente fare meglio, come dice qualcuno "Sky is the limit", e si devono impegnare per fare meglio,Non so come operano, però mi stupisce e mi fa incazzare una sola cosa: Non usano gli idranti.Porca troia, in tutti gli stati del mondo per disperdere le "masse" si usano gli idranti, qui no.. l’acqua la usiamo solo per le fontane.Magari la situazione di Catania, sarebbe stata uguale, ma con l’uso dell’acqua si riesce a far male senza bastonare, bagna (e d’inverno lo senti) e magari riesci pure a spegnere i razzi.Negli scontri, i lacrimogeni penalizzato tutti, anche chi non c’entra, e il vero problema è che molti sono lanciati ad altezza uomo (l’ho visto in tv, non me lo hanno raccontato) e va da sè che quelli che lanciano i sassi, la prendono come una sfida e si incazzano ancora di più.Poi come nei tifosi, tra le forze dell’ordine ci sono i bastardi non è un’ipotesi fondata sulla statistica è una certezza, ma non tutti e sono sicuro che nessuno vuole entrare nella celere per picchiare i tifosi allo stadio, rischiano a sua volta l’incolumità, sono sicuro che preferirebbero stare da qualche altra parte, invece che allo stadio.Parite senza pubblico?No, Giovy non sono d’accordo, mi spiace ma come per tutte le manifestazioni "socio-culturali", anche lo sport ha bisogno del contesto e dell’amtosfera creata dai tifosi (che hanno l’uso della massa celebrale, chiaramente) una partita, un concerto, uno spettacolo senza gli spettatori non ha motivo di esistere.E poi se si chiudessero gli stadi, il problema non si risolverebbe, la violenza e gli scontri sarebbero spostati in altri campi, che fino ad oggi (rigrazinado il cielo) ne sono rimasti, praticamente esclusi, e si penalizzerebbe la persona per bene, che va allo stadio per tifare la sua sqaudra, o che vuole assistere alla partita nello stesso modo a cui assiste uno spettacolo teatrale, non lo fa per questo o quel protagonista, ma solo per lo spettacolo e le emozioni che questo gli regala.Il Calcio Italiano ne uscirà?No, perchè è governata da coglioni di questa portata:"lo show deve andare avanti, i morti fanno parte del sistema" Complimenti, Mr. Matassere davvero complimenti.Le Proposte del Governo?Le solite cazzate.Stanno facendo riunioni, tavole rotonde, rilasciando interviste, solo ed unicamente per abbassare la tensione fino chiaramente al prossimo incidente, e questo perchè non sono mai stati "coinvolti" nella vita da stadio, alcuni parlamentari sono addirittura 4 volte campioni del mondo, e l’ultima volta che sono andati allo stadio Altafini, era un giovane oriundo dalle belle speranze.Si vuole cancellare i Club, senza chiedere che ne pensano i diretti interessati, e poi dimenticandosi che esistono i Club all’interno della Camera e del Senato di tutte le "grandi" squadre.Io mi domando (ma da un tot), per quale motivo uno Stato Sovrano non riesce ad avere la meglio su una società privata estera?E mi spiego: perchè non si possono eliminare le notturne? Sky pagherebbe meno, sti cazziLa gestione del pubblico in diurna è estremamente più facile, e la dispersione o la localizzazione dei violenti sarebbe molto più semplice, Venerdì molti dei partecipanti alla sassaiola erano ragazzi che si mischiavano, se si fosse stato in diurna magari "qualcuno" si sarebbe allontanato per paura di essere riconosciuto. Rimarrebbe il problema delle coppe, ma quanto meno sarebbe un’inizio.. e i problemi sarebbero meno.Le mie conclusioni finali: […]

  20. Guarda, io non ho scritto niente da nessuna parte riguardo ai fatti di Catania per due motivi:

    1) disprezzo il calcio professionistico;

    2) come diceva Oscar Wilde “C’è solo una cosa al mondo peggiore del fatto che si parli di te e questa è che non se ne parli”.

    Faccio un’eccezione adesso solo per dirti che sono in gran parte d’accordo con te.

  21. Non mollare mai

    Cioè, fatemi capire. Io domenica pomeriggio che cosa dovrei fare? Posso andare tranquillamente in trasferta per seguire la mia squadra del cuore, oppure rischio che mi arrestino sulla fiducia?
    Divieto di accesso alle manifestazioni sportive preventivo…

  22. SANTE PAROLE!

  23. ma tu chi sei il dirigente di SKY ❓ come fai a giudicare così pesantemente una realtà che dichiari di non conoscere!è come dire non mi piacciono le donne senza averne mai conosciuta una e consigliare il sesso vistuale!!la passione è passione…quello che hai scritto tu è un tuo pensiero non è la verità! poi se accadono fatti spiacevoli come quello di catania la colpa non è dei tifosi ma dei presidenti ( 😈 )che non prendono dei provvedimenti seri e che pur di guadagnare qualche soldo in più danno la possibilità di entrare allo stadio a tutti anche ai criminali!

  24. […] passato più di un anno da quando parlai per l’ultima volta di “tifosi” (che poi non sono neanche tifosi, ma ANIMALI, come ho detto nel titolo di questo […]

 Leave a Reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

(required)

(required)