Nov 282005
 

Melissa PPremessa: eravamo partiti per andare a vedere Harry Potter ed il Calice di Fuoco. 😛
Purtroppo, la massa urlante di bambini (e genitori) che era lì da ore prima di noi, ha fatto si che tutti i biglietti per lo spettacolo delle 19.00 fossero esauriti (il nostro programma era “film+pub”).
Ma… dato che ormai eravamo già nell’ottica di andare al cinema, ed alle 19.00 andare in un locale era improponibile… abbiamo deciso (più o meno) di andare a vedere Melissa P. 😛
In realtà eravamo già consapevoli di quello che avremmo visto, ma… massì, facciamoci male!!!

Insospettatamente, c’erano molte persone alle spettacolo delle 20.00, nonostante il film fosse comunque in programmazione da diversi giorni.
Tra il pubblico anche un sacco di “adolescenti brufolosi”, andati lì con la speranza di vedere qualcosa di erotico (essendo il film VM. 14).

Il mio giudizio: sinceramente… uno dei film più inutili, idioti, stupidi e mal congegnati che abbia mai visto.
Se proprio una sera avete un deca da buttare via… vi consiglio di farne un piccolo falò per riscaldarvi le mani, ma NON di spenderlo per andare a vedere questo film.
Tanto per fare un confronto, siamo al livello di idiozia (trash) di “Troppo belli”, quello con Costantino e Daniele (che mi sono rifiutato categoricamente di andare a vedere, era troppo anche per me!).
E’ stato un gioco… siamo andati a vederlo con spirito goliardico, per divertirci e riderne dopo, ma… credetemi… si ride già molto all’interno della sala. 😀
Il film è semplice da descrivere: c’è Melissa che zoccoleggia, per tutti il film, circondata da una madre assente e da una nonna divertente. Anzi… forse la nonna è il personaggio migliore del film. Punto.
La cosa più irritante è il tono lamentoso della protagonista… quell’aria eternamente depressa (anche quando cerca di fare sesso), quel tono da vittima anche quando vuole fare la carnefice, e prendere lei in mano il gioco.
Tremendo…. davvero tremendo…

Buon per Melissa, che comunque riuscirà a tirar fuori un sacco di soldi da questa parentesi, ma… che coraggio a produrre una cosa del genere (la produttrice è niente meno che Francesca Neri).

  20 Responses to “Melissa P.”

  1. Sabato sera sono rimasto allibito nel sentire una ragazza di mia conoscenza osannare libro e film.
    Per poco non la picchiavo.

  2. Che coraggio che hai avuto…
    :-O

  3. Ok, il film sarà una stronzata, il libro uno scadentissimo pornazzo…..ma diciamolo: chi non avrebbe voluto MelissaP (che sta per Porca!) come compagna di banco?!?! :mrgreen:

  4. Condivido in pieno l’opinione del donzolino! 😛

  5. …ci sono modi migliori di impegnare il sabato sera… 🙄 🙄 🙄

  6. @ Insane Soul: io consiglierei a questa ragazza di tua conoscenza una visita psichiatrica… 😀

    @ Rhadamanth: LOL! Si, effettivamente c’è voluto del coraggio, sopratutto a rimanere dopo i primi 10 minuti.
    Sono stato sfigato che non c’è stato l’intervallo tra il primo ed il secondo tempo, altrimenti probabilmente avrei interrotto la visione a metà 😛

    @ davidonzo e fe_de_7: come darvi torto.. 😉

    @ Lella: beh, il film è durato dalle 20 alle 22… la sera è lunga… 😉

  7. questo fa capire cosa vanno a ricercare i giovincelli di oggi…
    vi parla un ragazzo che ragazzo ancora è, ma a volte rimango stupito di come l’intelletto umano stia subendo un calo vertiginoso!

  8. Maddai pensa che ero tentata di andarlo a vedere… m’immaginavo fosse un capolavoro!
    ( I’m joking of course 😉 )

  9. madonna!!! Certo non nego che l’avrei voluto come compagno di banco…ma dai…addirittura un film…se prende la scia di Emannuelle ci ritroveremo a Melissa “incinta” P.

  10. da poi il seguito:
    “Sons of Melissa”

  11. Mi sono trovato in una simile situazione la domenica sera.. praticamente identica solo che dopo aver frenato i bollori di un mio amico (ho 17 anni) ho optato per “Trasporter Extreme” tipico film americano d’azione, che perlomeno tiene svegli (le ultime due volte che andai al cinema prima di questa domenica sera mi addormentai prima della fine del primo tempo) se si accantonano alcune esagerazioni.

    Cmq Melissa P. sarei andato volentieri a vederlo per curiosità ma dopo aver letto che è spazzatura piuttosto vado a vedermi quel filmaccio di harry potter (proprio non riesco a sopportarlo..).

  12. filmaccio non è fidati…
    fino a poco tempo fa pensavo anch’io che Harry Potter fosse spazzatura, mi sono dovuto ricredere…
    store avvincenti, effetti speciali da paura, un mondo inventato favoloso!
    soprattutto quelli che usciranno nei prossimi anni, saranno i migliori, poi vabbè so gusti ^__^

  13. @ Tyler Durden: più che quelli che sono andati a vedere il film (che l’ha fatto per scherzo come me e chi era con me, chi per curiosità), io non riesco proprio a capire come si possa rischiare la faccia per produrre cose del genere.
    OK, alla fine il prodotto si è venduto bene, ed ha fatto buoni incassi ma… cacchio, se fossi stato al posto di Francesca Neri non avrei mai voluto associare il mio nome ad un film così insulso.
    Stesso discorso per il regista o lo sceneggiatore, ovviamente.

    @ Barbara: 😀

    @ mattjak: LOL! Beh, personalmente avrei giudicato Trasporter Extreme un filmaccio, e non avrei mai neanche considerato di andarlo a vedere… 😀

  14. Io venerdì sera mi sono visto Harry Potter.. e devo dire che un po’ mi ha deluso.. mi è sembrato molto più tranquillo dei precedenti.. e prepara molto al seguito..

    Su Melissa P. quoto in toto.. non ho letto il libro e non lo farò.. e tanto meno buttero 5 euro per la visione del film.. anzi ci vorrei proprio parlare.. per levarmi qualche dubbio..

  15. io il film non l’ho visto, anche se devo confessare che sinceramente dopo tutt quel parlare di lei ero curioso di andare a vedere come diavolo avrebbero messo su pellicola quelle scene così esplicitamente descritte!

  16. credo di non aver mai sentito tanti commenti così ovvi su un argomento come in questo blog. Aveva sedici anni quando ha scritto il romanzo e con il film lei non centra nulla,non ha collabborato ne condiviso l’operazione. Si è esposta al publico e quindi al giudizio,ma si puo analizzare in maniera cosi superficiale un lavoro indubbiamente curioso! Ma voi cosa fate nella vita? 😡 😡

  17. Secondo me avete frainteso il senso del film….la storia di una ragazza che dapprima schiava del suo corpo e non riesce a resistere alle lusinghe del piacere sessuale…di poi un impadronirsi del proprio corpo…quasi una maturazione….io penso che tutti questi commenti negativi non rispettino la realtà,o meglio non avete il coraggio di ammettere che per il nostro piacere faremmo qualsiasi cosa…purtroppo il film ha scanadlizzato per il suo contenuto erotico ma il senso del film è ben altro e penso che molte ragazze di oggi ci si possano rivedere…
    Ciao 😉

  18. Il libro di melissa P. a mio parere può essere considerato un grandissimo libro, altro che pornazzo. Esso mette in luce in modo sincero tutti i più angoscianti pensieri che attanagliano le menti di moltissimi adolescenti di oggi. Anche se costoro non ammetterebbero mai pubblicamente, come ha fatto melissa p., questi pensieri e tutta l’irrequiettezza o le angoscie che a volte si tramutano in depressione, e che spesso possiedono ragazzi immersi nella noia e nella monotonia della vita di provincia: Parlo in particolare, di quando melissa si confronta con se stessa e comincia a confrontarsi con il mondo esterno facendo le sue prime conoscenza erotiche. I pensieri che melissa formula a proposito di queste esperienze, e che sono più spesso negativi ed escatologici, piuttosto che essere positivi e “sorridenti” come tutti si aspetterebero da un ragazzo o da una ragazza di sedici anni; sono molto sinceri e attuali. Così come sono veritieri i primi incontri sessuali di melissa i quali si trasformano in irrimediabili e forti delusioni e illusioni oppure rimorsi, per colpa di tanta meschinità umana manifestata da una piccola parte del mondo maschile. Ma ben presto melissa attraverso i suoi incontri inizia a rendersi conto di quanto sia terribilmente meschino e monotono, fino a quel punto del libro, tutto l’universo maschile che sembrava interessarle per curiosità oppure per il semplice scopo di sfogare tutta la sua angoscia.
    A mio parere a proposito di tutti quegli incontri che vengono descritti nel libro, alcune falsità, dovrebbero essere state raccontate, al solo fine di vendere il libro anche ai segaioli patiti del porno, (che sono moltissimi) così come mi sembra molto inverosimile la voglia sadomasochista di melissa di volersi “punire” sempre di più svendendosi a chiunque e in quei modi così osceni.
    Se ciò fosse vero però, allora sono solidale con melissa che dovrebbe aver attraversato davvero un momento della sua vita molto ma molto difficile.
    Comunque anche se siano strani alcuni fatti descritti da melissa, e all’apparenza montati ad arte non vuol dire che siano a tutti i costi irreali e inventati. Le eccezioni possono sempre esistere. Mentre altri fatti sempre descritti nel libro che riguardano ad esempio le voglie perverse e pericolose, talvolta quasi pedofile di moltissimi uomini adulti, oltre a tutte le insicurezze che si tramutano in maschilismo aggressivo di molti ragazzini o ventenni, sicuramente e indubbiamente questi fatti sono fedelissimi alla realtà odierna generale.

  19. Io l’ho visto settimana scorsa, non acquistato, non noleggiato 😀

    Sconcertante.

  20. ma x favore……sn d’ accordiximo. qst film è niente pò pò di meno ke 1 insulto all’ arte della cinematografia. avrei qlcs altro da aggiungere riguardo la possaggine e la stupidaggine di quel ke nn si può neanke kiamare videoclip: correre dietro a 1 idiota xvertito è lecito finkè nn conosci la sua vera natura. ma se appena ti guarda in faccia te la abbassa x ficcarti in bocca il gioiello x eccellenza, lo cestini senza ne se ne ma. detto qst, concludo dicendo qst:melissa, svegliati fuori e vai a farti 1 plastica. la spina dorsale a qst mondo è importante. baci e saluti a tutti

 Leave a Reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

(required)

(required)