Mar 212005
 

Gillette M3 PowerBuongiorno a tutti, e buon inizio settimana.
Spero mi abbiate dato retta, e vi siate riposati/divertiti/fatto tanto sesso.
Il mio week-end è stato (come quasi sempre) di assoluto riposo, incluse però una serata “tete a tete” con la mia dolce fanciulla in un bel locale, ed una pizza con amici ieri sera (ivi compreso l’attraversamento di un banco di nebbia modello “Pianura Padana”, con visibilità di 1 mt…. forse… per alcuni KM.)
Non del mio week-end in se voglio parlarvi, però, ma di come è cominciata la mia domenica mattina, ovvero con… la rasatura!
Io ho un pessimo rapporto con i rasoi.
Sarà per la pelle particolarmente delicata, sarà perchè fondamentalmente mi rompo le palle a farmi la barba.
Proprio per questo, quindi, faccio la barba normalmente una volta a settimana, di solito il lunedì mattina.
Questo significa che a fine settimana sembro “uno dei due ladroni che hanno crocifisso insieme a Gesù” (definizione realmente attribuita al sottoscritto sabato mattina).
Però… questa domenica avevo un motivo “valido” per farmi la barba: il test del nuovo rasoio Gillette M3 Power (tutte le info qui).

Acquistato alcuni giorni fa perchè “dovevo comprarlo, in quanto rasoio tecnologico”, l’ho comprato con una certa diffidenza. Perchè:
1) un rasoio che vibra? Cacchio… mi massacrerà la faccia!
2) costa una botta: 15 € con due lamette incluse, e le ricariche (4 lamette) costano 11 €.
3) cosa lo prendo a fare, se mi faccio la barba una volta ogni tanto?
Ma… era molto “hi tech”, e quindi DOVEVO prenderlo… 😀

Torniamo alla rasatura di domenica mattina.
Scarto il rasoio (molto bello come design, e più grande come impugnatura del Mach3 Turbo che usavo prima, il che lo rende più pratico per la mia “manona”), verifico che funzioni il motorino (la batteria è inclusa), mi armo di gel da barba Gillette (quello l’ho sempre usato) e faccio rotta verso il bagno… 😀
Doccia propiziatoria per placare gli Dei delle Abluzioni, e… in accappatoio… mi glasso la faccia con la schiuma da barba, inizio a far “vibrare” il mostro verde, lo accosto alla faccia (un po’ preoccupato) e… spettacolo!
Innanzitutto, la prima sensazione che si prova è assolutamente piacevole, ed è quella di un micromassaggio mentre ci si rasa, che rende decisamente più allettante un’operazione per me sgradevole. Pensavo fosse “pericoloso” accostare qualcosa che taglia e vibra alla gola, ma non è affatto così, la microvibrazione non solo NON disturba o rende difficoltosa la rasatura, ma la agevola!
Ho provato a fare delle “passate” comparative per testare l’effettiva utilità della vibrazione nel taglio della barba (è stata introdotta per migliorare il taglio, non per massaggiarci la faccia!), ed effettivamente la barba viene tagliata “meglio e prima”, rispetto ad una passata con la vibrazione disattivata.

Giudizio conclusivo: ottimo, davvero ottimo.
Mi piace molto la sensazione che si prova nel radersi, e di sicuro ciò mi invoglierà a farmi la barba più spesso (niente più “effetto ladrone”, quindi…).
Inoltre il fatto di passare meno volte per tagliare tutta la barba limita le irritazioni, fattore da non trascurare.
Piccolo svantaggio di tutto ciò: il costo delle lamette, che NON è affatto trascusabile.
Considerato che ciò aumenterà (presumibilmente) la frequenza delle mie rasature, non vorrei cadere in povertà per le lamette da barba… 😀

  3 Responses to “Gillette M3 Power”

  1. […] E’ un po’ di tempo che non parlo di qualche "gadget tecnologico" appena acquistato (qualcuno ricorda ancora la "memorabile" recensione del Gillette M3 Power che tante persone spinse a comprare il rasoio). […]

  2. Ce l’ ho anche io.. ho usato le lamette in dotazione , poi quando ho visto cosa costavano quelle di ricambio . l’ ho trasformato in vibratore per le tempie… :mrgreen:

  3. […] M3 Power. Bello, verde, luccicante. Avevo letto già una recensione molto positiva di Giovy e visto il costo non eccessivo, “solo” 15€ con ben due lamette, ho deciso di […]

 Leave a Reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

(required)

(required)