Jan 272005
 

Voi che vivete sicuri
nelle vostre tiepide case,
voi che trovate tornando a sera
il cibo caldo e visi amici:
Considerate se questo è un uomo
che lavora nel fango
che non conosce pace
che lotta per mezzo pane
che muore per un si o per un no.
Considerate se questa è una donna,
senza capelli e senza nome
senza più forza di ricordare
vuoti gli occhi e freddo il grembo
come una rana d’inverno.
Meditate che questo è stato:
vi comando queste parole.
Scolpitele nel vostro cuore
stando in casa andando per via,
coricandovi, alzandovi.
Ripetetele ai vostri figli.
O vi si sfaccia la casa,
la malattia vi impedisca,
i vostri nati torcano il viso da voi.

da “Se questo è un uomo” di Primo Levi

Probabilmente è uno dei brani più famosi tratti dal libro di Primo Levi, e nonostante abbia cominciato la giornata parlando di un argomento frivolo, mai e poi mai avrei fatto a meno di scrivere anche una sola riga sull’anniversario di oggi.
Sono passati sessanta anni dalla liberazione di Auschwitz, eppure ancora oggi mi tocca girare per Foggia è vedere manifesti del Nuovo Ordine Nazionale, con tanto di fascio littorio nero. Che schifo…
Fortuna che qualcuno, armato di buon senso, ha provveduto a dipingere di nero quegli orrori.
Orrori che ricorrono spesso, in ideologie che purtroppo troviamo ancora nella nostra vita, a volte sedute in Parlamento dietro cognomi “storici”.
Mi fanno pietà quelle persone che dietro la maschera del “revisionismo” cercano di stravolgere e negare una realtà storica che, in quanto italiani, ci ha toccato in maniera diretta, sia come vittime che come carnefici.

Non dimentichiamo, mai…

  7 Responses to “Non dimentichiamo…”

  1. Nè vittime, nè carnefici. Gli italiani non si sono mai macchiati dei crimini che sono stati loro imputati nei confronti degli ebrei.
    Non è questione di negazionismo o di revisionismo storico. E’ questione di pura e semplice verità. Così come è verità il fatto che la storia è stata scritta ed imposta dai vincitori i quali hanno demonizzato i perdenti e beatificato se stessi.
    Assurdità a cui solo chi è in malafede può credere. Le atrocità, escluse quelle derivanti da olocausti di vario genere, sono state commesse da ogni parte. Se ricordiamo cosa hanno fatto i comunisti agli ufficiali polacchi, incolpanodo poi i tedeschi del massacro compiuto, basta e avanza per far comprendere a tutti come la storia scritta da uomini politicamente schierati sia la più falsa, la più ingiusta e la più iniqua delle scritture.
    Nessun rammarico quindi si può provare nel vedere i manifesti del Nuovo Ordine Nazionale.
    Piuttosto occorrerebbe essere, innanzi tutto, sinceri con se stessi e meno partigiani, ricordando ad esempio che il fascismo fece grande l’Italia, ridotta,ieri come oggi, ai minimi termini da politicanti da baraccone e da sinistri figuri che hanno fatto del Parlamento un luogo per clown.
    Foggia, nella grandezza del ventennio, non rimase fuori dall’evouzione e dall’apporto economico e lavorativo che il fascismo promulgò in tutta la nazione.
    Il palazzo dove oggi esce ed entra l’attuale sindaco di sinistra è di spiccata matrice fascista. Accaparrandosi gli immobili i vincitori si sono accaparrati anche le istituzioni e tutto ciò che venne creato da Mussolini.
    Coerenza e sincerità, quindi, dovrebbero prendere il posto a quella indiganzione spesso usata a sproposito o, peggio ancora, per valorizzare menzogne decennali per le quali non bisogna più tacere.

    NUOVO ORDINE NAZIONALE
    Segreteria Nazionale

  2. @ Segreteria NON: più che un commento sembra un proclama. Di mussoliniana memoria. Ma sul mio blog c’è posto per tutti, anche per chi dice che “gli italiani non si sono macchiati dei crimini che sono stati loro imputati”, contro ogni evidenza storica del contrario.
    Gli unici a sostenere una cosa del genere sono proprio i fascisti. E voi siete fascisti.

  3. Per il Nuovo Ordine Nazionale e per i suoi militanti essere chiamati fascisti è solo un onore al quale, ogni giorno, doniamo i nostri sacrifici, i pericoli che corriamo, ed il coragggio che dobbiamo dimostrare per non essere zittiti dalla “democratica” politica di questo paese.
    Proclama o no che sia, rimane comunque la pura verità.
    Ci piacerebbe sapere, poi, quali sarebbero stati questi crimini di cui si sarebbero macchiati gli italiani, ovviamente di matrice fascista, visto che secondo la storiografia partigiana non sono esistiti altri criminali al di fuori dei fascisti.
    I comunisti, invece, hanno fatto solo bene e predicato la pace universale.
    I morti nei gulag, nelle fosse di katyn e gli altri 80 miloni di persone ammazzate ringraziano sentitamente per il metodo con cui sono state politicizzate.
    In ultimo, due cose:
    1) se nel suo blog lascia spazio anche a chi non la pensa come Lei non fa altro che onorare la sua dignità.
    2) una delle menzogne partorite dalla vigliaccheria partigiana sarà presto propagandata con l’affissione di diversi manifesti sui muri di Foggia a giorni.

  4. […] Personalmente credo fermamente nella libertà di espressione ed allo stesso modo voglio che qui che tutti possano esprimere liberamente le proprie idee (anche contrarie alle mie, come è successo ad esempio in questo post, dove si è scomodata addirittura la segreteria nazionale del movimento fascista chiamato Nuovo Ordine Nazionale).Libertà di espressione però non significa "libertinaggio" o anarchia, e quindi se qualcuno pensa di poter venire qui e lasciare link malevoli o libelli contro il personaggio X, ci pensi due volte… google_ad_client = “pub-1121749626259017”; google_ad_width = 468; google_ad_height = 15; google_ad_format = “468x15_0ads_al_s”; google_ad_channel =”1117595389″; google_color_border = “FFFFFF”; google_color_bg = “FFFFFF”; google_color_link = “0A0A9A”; google_color_text = “444444”; google_color_url = “0A0A9A”; wordpress, plugin, bannage, spam, troll Condividi | Nessun Commento » […]

  5. @ NON: basterebbe andare a parlare con le associazioni italiane delle vittime del genocidio, per chiedere quale governo ha ordinato la deportazione di migliaia di ebrei italiani verso i campi di concentramento nazisti…

    Sono un uomo di sinistra che non odia la destra e non ama le dittature di sinistra.
    Condanno il genocidio nazi-fascista allo stesso modo con cui condanno i genocidi comunisti dell’URSS.

    Che sia di destra o di sinistra, là dove la politica ha imposto uno status da cui dipende la vita o la morte, si sono create situazioni spregevoli. E sono felice che la storia sia stata scritta dai vincitori, perchè hanno vinto i buoni…

  6. Sull’ultima affermazione fatta da “davidonzo” ci riserviamo una nota: quindi sarebbero i buoni quelli che hanno vinto? Ovvero quelli delle due bombe atomiche sul Giappone? Quelli che si sono resi responsabilii della morte di oltre 100.000 abitanti di Dresda che vennero uccisi in una sola notte a causa delle bombe incendiarie lanciate dai B 52? Quelli della farsa del processo di Norimberga? Quelli che occupano ancora oggi il suolo italiano con un numero esponenziale di basi NATO? Quelli che fomentano guerre a casa d’altri? Quelli della guerra farsa in Iraq? (e ci fermiamo qui con gli americani).
    Oppure vogliamo parlare di un altro “buono” come Stalin? Ovvero quello dei Gulag, quello delle deportazioni dei contadini russi (i Kulaki), quello che permise e incentivò la carestia in Russia fino a portare le famiglie a mangiare i propri bambini più piccoli piuttosto che morir di fame? Quello che uccise decine di milioni di connazionali ritenuti anticomunisti? Quello delle fosse di Katyn? Quello dei pogrom? Anche su questo “buono” ci pare di aver elencato abbastanza per ricordare quanto “buono” è stato. Vogliamo dire qualcosa anche del terzo “buono” ? Winston Churchill? Quello dell’incitamento alla guerra? Quello delle colonie oltre manica? Quello che causò la morte di centinaia di migliaia di indigeni (intesi come abitanti del luogo) che avevano avuto la sfortuna di vivere in un paese colonizzato dall’Inghilterra? Quello che elogiò Mussolini salvo poi mandarlo tra le braccia di Hitler per i suoi scopi politici?
    Beh di questi buoni penso che la storia, ed i morti per causa loro, ne avrebbero volentieri fatto a meno.
    I genocidi non sono mai giustificabili, qualunque connotazione politica essi abbiano avuto. Quello che però va fermamente condannato è l’uso di cui i sopravvissuti fanno del genocidio. Una casta ebraica ha fatto fortune colossali prentendendo pagamenti da banche, assicurazioni, e società private alle quali, in qualche modo, hanno legato responsabilità oggettive per la morte di diversi ebrei.
    Il sionismo ha speculato sulla morte di moltissime persone per arricchirsi, usando l’arma della falsa umiltà e del faslo vittimismo. Chissà perchè non è successa la stessa cosa per gli indiani d’America o per i gli Armeni. Eppure anche in quel caso si è trattato di genocidio.
    Il fascismo non si è mai macchiato né di genocidi, né di olocausti. In Italia non è mai esistito un campo di sterminio o di concentramento per ebrei. Se poi si condanna l’uso dei campi di concentramento di quell’epoca, ovvero in tempo di guerra, allora dovrebbero essere condannati anche quelli della parte opposta. Ma quelli, essendo stati costruiti dai vincitori, non esistono e se esistono potevano essere paragonati all’Hotel Hilton di New York.
    La verità è che i vincitori hanno scritto a loro uso e consumo una storia falsa e manipolata, fino al punto che i perdenti erano tutti cattivi e i vincitori tutti buoni. Compresi i partigiani comunisti. Anche loro fanno parte della folta schiera dei buoni. E nella loro immensa bontà hanno creato le foibe, i tribunali del popolo e decine di migliaia di morti scomparsi nel nulla durante la guerra civile fratricida del 43-45, protrattasi anche oltre tale data.
    Sono stati talmente buoni che hanno persino ammazzato altri partigiani che avevano avuto la colpa di non essere comunisti.
    In guerra non esistono buoni e cattivi ma vincitori e vinti e la storia, si sa, è sempre stata scritta dai primi a discapito dei secondi, senza tener conto di dove si trovava la ragione.

  7. PROPRIO COSì.LA STORIA LA SCRIVE CHI VINCE.
    E IL BELLO è CHE HA VINTO L’AMERICA.LA PATRIA DELLA PENA DI MORTE E DELLE GUERRE FACILI.ANCHE PEGGIO DEI COMUNISTI.NON SARà CHE SI SCOPRIRANNO CRIMINI SCONOSCIUTI DELL’AMERICA, E ALLORA SI POTRANNO TIRARE LE SOMME?
    LA STORIA ODIERNA è TUTTA BUONISTA.COME DEL RESTO SONO BUONISTI I VINCITORI DELLA GUERRA.AVETE FATTO CASO DI COME INTERVIENE SEMPRE L’AMERICA IN OGNI GUERRA?SPECIE PER FINI ECONOMICI, TIPO IL PETROLIO.PERCIò, PENSO CHE LA SECONDA GUERRA MONDIALE è STATA COMBATTUTA DALL’AMERICA PER PRECISI SCOPI ECONOMICI.HO GIà DETTO TROPPO.LA “Democrazia” se cosi si può chiamare,(ci stiamo avvicinando troppo agli americani), potrebbe anche farmi arrestare.ciao.

Leave a Reply to davidonzo Cancel reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

(required)

(required)

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.