Aug 232004
 

Una clamorosa sentenza di appello assesta un duro colpo alle speranze delle major di mettere a tacere i sistemi di condivisione. Produrre e distribuire quei software non è illegale. Si consolida la difesa Betamax.

Leggi tutto l’articolo…
(Fonte: Punto Informatico)

Commento di Giovy:
Finalmente qualche giudice meno ottuso degli altri inizia a far funzionare la sua testa, e non accetta di subire supinamente le pressione delle major, che vorrebbero far dichiarare illegale anche la creazione e la distribuzione di software P2P.
In pratica (e dovrebbe essere sempre così) non è illegale il software in se ma l’uso che se ne fa.
Lo stesso tipo di difesa venne usata a suo tempo dalla Sony per i videoregistratori: non era illegale la costruzione o la commercializzazione degli stessi (nonostante Sony fosse a conoscenza del suo uso) ma l’uso illegale che gli utenti potevano farne.
Grazie al cielo in Italia non ancora sono arrivati a voler dichiarare illegale l’uso di un semplice software di P2P, ma non scordiamoci che qui abbiamo anche una certa Legge Urbani… 🙁

 Leave a Reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

(required)

(required)